informazioni dal Settore Cultura e Turismo del Comune di Benevento

___________________________________________________________________________ ________________________________________________________________________________________________________

  

letto 5039 volte     
0 commenti     
     
segnala l'articolo     
stampa PDF     
chiudi     

     
ven 10-09-2010 20:30, Arco del Sacramento
L’Italiana in Londra
dramma giocoso in due atti
di Conservatorio di Musica “Nicola Sala” di Benevento
  

Ingresso libero fino ad esaurimento posti
Durata 145 minuti circa

libretto di Giuseppe Petrosellini musica di Domenico Cimarosa (1749-1801)

Livia, Dalia Maria Del Monaco
Milord, Raffaele Raffio
Polidoro, Luciano Matarazzo
Madama Brillante, Mina Troiano
Sumers, Davide Luciano    

Orchestra del Conservatorio "Nicola Sala" Benevento
al cembalo, Carla D'Onofrio
direttore, Francesco Ivan Ciampa
regista, Emanuele Di Muro  

scene, Raffaele Caravano
Costumi, Sartoria Angela De Rita
Attrezzista, Brunella De Laurentis
Assistente di palcoscenico, Nadia Perfetto
Luci, M.A.C. Service di Francesco Giordano e Alessandro Caso
Collaboratori al pianoforte, Kelly Lidiane Gallo e Carla D'Onofrio

Un'opera made in Conservatorio: a cominciare dal cast dei cantanti (quattro studenti e un'ex allieva), per passare agli orchestrali, studenti e professori Annamaria Bonsante, Gianluca Giganti e Luca Signorini, nelle prime parti, fino alla spalla Marco Serino. Anche il direttore e maestro concertatore nonché il regista sono docenti dell'Istituzione di Alta Formazione musicale. Il Conservatorio sannita si confronta quest'anno con una delle numerose opere di Domenico Cimarosa, grande esponente della Scuola Musicale Napoletana del Settecento, proponendola anche in ambito nazionale.  

La trama in breve: Livia, sotto lo pseudonimo di Enrichetta, dalla nativa Genova si reca a Londra in cerca dell'amato Milord Arespingh che conobbe un paio d'anni prima, il quale ha dovuto lasciarla perché il padre vuole destinarlo a nozze con una nobile inglese. La stessa, incontra nella locanda dove soggiorna, Sumers, un mercante olandese, Don Polidoro, un napoletano, e l'amato Milord. L'incontro tra i due innamorati genera alcuni equivoci e tensioni: Milord non la riconosce e Livia ignora ch'egli l'ama sempre, soffre e spera di ritrovarlo: quindi ella si crede abbandonata e finge di non conoscerlo. Intanto il padre di lei, saputo che alloggia a Londra, ha dato ordine di arrestarla: l'amico Sumers interviene, e dopo molto peripezie le nozze fra i due innamorati chiudono lietamente l'opera.



 

Consulta pure

L'Italiana in Londra - dramma giocoso in due atti di Domenico Cimarosa
Conservatorio "Nicola Sala" di Benevento

n.244 13-10-2010 11:46, letto 6160 volte  

L'Italiana in Londra del Conservatorio Nicola Sala, Mandragola” di Ugo Chiti e l’attesissimo “Dignità autonome di prostituzione”
Venerdì 10 settembre 2010, XXXI edizione Benevento Città Spettacolo

n.217 10-09-2010 12:58, letto 3322 volte  

Categoria BnCs2010
    www.beneventocultura.it
  
  
 21-05-2019 12:28 - 158  
   
 

nessun commento

aggiungi il tuo commento