informazioni dal Settore Cultura e Turismo del Comune di Benevento

___________________________________________________________________________ ________________________________________________________________________________________________________

  

letto 2430 volte     
0 commenti     
     
segnala l'articolo     
stampa PDF     
chiudi     

     
sab 23-10-2010 21:00, Teatro Comunale
“Geli ekvis varsha…”
Natak Company, Pune University – India
  

"Insicurezza, complessità, inquinamento, denaro, cellulari, droghe, Orkut, Facebook, relazioni, maniere, etica, amore, genitori, pressione, sesso, libertà, capitalismo, istruzione, dipendenza, consapevolezza, colpevolezza, comunicazione, felicità, confusione…
Perché faccio le cose che faccio?
Penso idiozie e mi sento uno schifo… Ma chi sono?
Non sono né di destra, né di sinistra, e neanche un bramano ortodosso o un oppresso dalit. Non sono gay e non appartengo a nessuna minoranza. Non sono mancino né malato di mente.
Chi diavolo sono? Sono solo un tipo ipersensibile, confuso e intrappolato.
Dove vado? Cosa faccio? Qualche sostanza può aiutarmi? Devo chiudere un occhio? Ma neanche questo funziona, ci ho già provato. Le ho provate tutte. Tutti hanno provato tutto."
 
Ecco i pensieri di un ragazzo di 21 anni. Questa è la storia di un giovane che, alla fine, entra in un reality il cui obiettivo è creare una forza di giovani estremisti terroristi.
Fondamentalista? Religioso? Regionalista? Certo che no!
 
Cosa è successo esattamente ai giovani genitori coinvolti nei movimenti socialisti liberali di sinistra durante e dopo l'Emergenza del 1975? Cosa è successo all'idea di una nazione libera, laica, liberale e ideale, per cui vale la pena mettere alla luce un figlio? Cosa è successo ai valori e all'etica che ci si aspettava dalla generazione precedente dei combattenti per la libertà? Cosa è accaduto esattamente negli ultimi 21 anni?
CAST E RICONOSCIMENTI Scritto da:   Dharmakirti Sumant
Diretto da: Aalok Rajwade
Musica: Gandhaar Sangoram
Set: Hrishikesh Nagaonkar
Luci: Sujay Bhadkamkar
Cast: Wagh Amey Jayant, Menon Siddharth Satish, Vishwajeet Dilip Kadam, Bibikar Manali Anil, Phatak Sayalee Sudhir, Sangoram Gandhar Mukund, Raddi Gautam Shashikant, Bhadkamkar Sujay Sudhir, Hrishikesh Sharad Nagaonkar, Mahajan Abhay Arun.

Premi e successi: Selezionati per due festival nazionali in India: Vinod Doshi Festival e Thespo Xi Festival.
Vincitori di Thespo X1 (per migliore rappresentazione), seguito da:
 
Miglior regista: Alok Rajwade
Miglior nuova sceneggiatura: Dharmakirti Sumant
Migliore scenografia: Alok Rajwade e Hrishikesh Nagaonkar
 
Candidati per: Miglior Attore: Amey Wagh   Miglior attore non protagonista: Siddharth Menon Durata: 80 Min. Operatore audio e cantante: Vikram Sane Direttore di produzione: Saurabh Daftardar   PRESENTAZIONE Natak Company Siamo un gruppo di ragazzi pieni di entusiasmo e dallo spirito libero che, negli ultimi anni, hanno contribuito attivamente alla scena teatrale della città di Pune. La Natak Company è nata con l'obiettivo di proporre opere vere e diverse, capaci di rivolgersi alle masse e agli eclettici.

La nostra motivazione si basa sulla passione e sul desiderio di mettere in scena qualcosa che si allontani dall'ordinario; le nostre opere sono generalmente rappresentazioni sperimentali, il che significa che otteniamo un profitto marginale (o inesistente) dalle nostre rappresentazioni.

Avendo vissuto la scena teatrale in passato, non abbiamo paura di sperimentare, perché la nostra esperienza ci sostiene e ci guida. Inoltre, l'età media del nostro gruppo è 21 anni, quindi crediamo vivamente di poter soddisfare i gusti di un pubblico giovane.

Il nome della compagnia "Natak Company" – ricco di sfumature di significato in lingua Marathi – ci ricorda non solo le meravigliose compagnie teatrali di un tempo (quando si cantava tutte le notti e le donne erano uomini!), ma si riferisce, tacitamente, alle "società a responsabilità limitata", con un riferimento all'estensione della responsabilità. La parola "natak", sebbene sia tradotta approssimativamente come "teatro", è una tale bugia se intesa in questa accezione; può significare "divertimento", se intesa diversamente, e diventa un affare ben più serio se usato come epiteto per una compagnia del genere!
Avendo in repertorio spettacoli che hanno fatto epoca, come "Cycle", "Dalan" o "Lose Control", siamo certi che le nostre imprese, in futuro, riusciranno a trasmettere la magia che queste opere hanno trasmetto al loro pubblico in passato.



 
Categoria UT2010
    www.beneventocultura.it
  
  
 24-07-2019 06:37 - 243  
   
 

nessun commento

aggiungi il tuo commento