informazioni dal Settore Cultura e Turismo del Comune di Benevento

___________________________________________________________________________ ________________________________________________________________________________________________________

  

letto 4193 volte     
0 commenti     
     
segnala l'articolo     
stampa PDF     
chiudi     

     
mar 07-09-2010 20:30, Arco del Sacramento
Gli amanti di Verona
Il pietoso caso di Giulietta e Romeo
Lettura racconto
di Matteo Bandello di Mandracchia e Cocifoglia
  
durata 75 minuti

con  
cantante: Barbara Eramo
polistrumentista: Stefano Saletti
attori: Fabio Cocifoglia
Manuela Mandracchia


La sfortunata morte di dui infelicissimi amanti che l'uno di veleno e l'altro di dolore morirono,   con vari accidenti.      
Il progetto parte dall'idea di portare in teatro le novelle italiane che sono state fonte di ispirazione delle opere shakespeariane : "il Moro di Venezia" e "Misura per misura" dagli Ecatommiti del Giraldi Cinzio, " Gli amanti di Verona" e "Molto rumore per nulla" dalle novelle del Bandello.      
La formula racconto-concerto ci permette, attraverso la fusione di parola e musica, di creare una partitura globale con intrecci contrappuntistici e concertazioni che diventano uno straordinario veicolo di fruizione da parte del pubblico.      
Sebbene in un linguaggio completamente diverso, "Gli amanti di Verona" del Bandello non ha nulla da invidiare all'opera shakespeariana per potenza emotiva, intreccio, alternanza di climi.  
E' anzi divertente notare le differenze con l'opera di Shakespeare : da come si svolge la storia d'amore tra i due amanti che più e più volte si accoppiano nel giardino "essendo Romeo giovine, di forte nerbo e molto innamorato", a Giulietta che vuole raggiungere il suo Romeo travestendosi da uomo, all'ambigua figura di frate Lorenzo, a come muore Giulietta.  
Attori e musicisti raccontano insieme , con gli strumenti che hanno a disposizione ( le canzoni di repertorio, i personaggi archetipali, la musica e il testo) una storia che tutti conoscono, un affresco delle più travolgenti passioni umane: l'amore al tempo dei "...Montecchi e dei Cappelletti, ne la Verona di Bartolomeo Scala...", un amore così forte che "…tutte le volte che lo racconti sembra impossibile debba così finire…". 
Dopo aver fatto incontrare le parole del Bandello con la musica rinascimentale, questa volta il racconto si intreccia con il repertorio world music di Stefano Saletti e Barbara Eramo, dove si fondono elementi di musica pop con elementi di musica etnica.  
E quasi sull'onda ironica e dissacrante del progetto di Buz Luhrmann, proprio su Romeo e Giulietta, abbiamo trovato divertente e stimolante l'incontro tra la novella del Bandello e la loro rilettura in chiave world music di classici della disco music anni '70.        



 

Consulta pure

I teatri dell'Unità d'Italia:
Il
Teatro Comunale di Benevento compie 150 anni

Memorie e documenti di un teatro storico

Rossella Del Prete

n.187 10-08-2010 02:27, letto 4839 volte  

Categoria BnCs2010
    www.beneventocultura.it
  
  
 03-02-2023 02:13 - 152  
   
 

nessun commento

aggiungi il tuo commento