informazioni dal Settore Cultura e Turismo del Comune di Benevento

___________________________________________________________________________ ________________________________________________________________________________________________________

  

letto 2721 volte     
0 commenti     
     
segnala l'articolo     
stampa PDF     
chiudi     

     
mar 20-10-2009 20:30, Teatro Comunale
Un nemico del popolo
Technion/Israel Institute of Technology, Haifa, Israele
  
Nella città in cui è ambientato il dramma è stato costruito un enorme complesso balneare, cruciale per l'economia della città. Il dottor Stockmann ha scoperto che il sistema di drenaggio è seriamente contaminato. Avvisa vari membri della comunità, tra cui Hovstad e Aslaksen, ne riceve il sostegno generoso e, grazie alla sua scoperta, riesce a salvare in tempo la città.
Il mattino seguente, però, suo fratello, che è anche il sindaco della città, gli comunica che deve ritrattare le sue dichiarazioni, perché le necessarie riparazioni sarebbero troppo costose. In più, il sindaco non è convinto delle scoperte del dottor Stockmann. I fratelli hanno un'accesa discussione; il dottor Stockmann spera che almeno il giornale di Hovstad lo sosterrà. Tuttavia, il sindaco convince Hovstad e Aslaksen ad opporsi al dottor Stockmann.
Il medico organizza una conferenza cittadina a riguardo, ma Aslaksen e il sindaco cercano di impedirgli di parlare. Il dottor Stockmann, quindi, lancia un'aspra invettiva in cui condanna la città e la tirannia della maggioranza. Il pubblico trova il suo discorso incredibilmente offensivo, lo dichiara "un nemico del popolo" e la mattina dopo la casa del medico spanenta bersaglio di atti vandalici. Il medico e la figlia sono licenziati. Il sindaco insinua che le azioni del medico fossero solo un sistema per ereditare più di soldi da Morten Kiil, e lo stesso Kiil arriva presto a proporre un tale piano al dottor Stockmann. Tuttavia, il medico rifiuta tutti i suggerimenti e decide di sfidare l'autorità e di rimanere in città. La sua famiglia gli è di supporto e asserisce che "l'uomo più forte è quello che sta solo…"

"An enemy of the people" - Technion/Israel Institute of Technology – Technion City, Haifa, Israel

The town in which the play is set has a huge bathing complex, that is crucial to the town's economy. Dr. Stockmann has discovered that the baths' drainage system is seriously contaminated. He alerts several members of the community, including Hovstad and Aslaksen, and receives generous support. Thanks to his discovery, he manages to save the town just in time. The next morning, however, his brother, who is also the town's mayor, tells him that he must retract his statements, for the necessary repairs would be too expensive. Moreover, the mayor is not convinced by Dr. Stockmann's findings. The two brothers have a fierce argument, and Dr. Stockmann hopes that at least Hovstad's newspaper will support him. However, the mayor convinces Hovstad and Aslaksen to oppose Dr. Stockmann. The doctor holds a town meeting to give a lecture on the baths, but Aslaksen and the mayor try to keep him from speaking. Then, Dr. Stockmann launches a long tirade, in which he condemns the foundations of the town and the tyranny of the majority. The audience finds his speech incredibly offensive, declares him an Enemy of the People and the next morning the doctor's home is vandalized. He and his daughter are fired. The mayor insinuates that the doctor's actions were merely a scheme to inherit more of Morten Kiil's money, and Kiil himself soon arrives to suggest just such a plan to Dr. Stockmann. However, the doctor refuses all such suggestions and decides to defy the authority and remains in town. His family is supportive, and he says that "The strongest man is the man who stands alone..."

Università/University: Technion - Israel Institute of Technology, Israel
Compagnia/Company: Department of Humanities and Arts
Referente dell'Università/University Representative: Prof. Ouriel Zohar
Regia/Directed by: Ouriel Zohar
Titolo dello spettacolo/Title: "An enemy of the people"
Con/With: Ronie Navon,  Olga Shatsman, Naama Elissar


La compagnia teatrale

Il Teatro Technion è stato istituito nel dipartimento di Lettere e Filosofia dal Prof. Michael Moore e creato dal Dott. Ouriel Zohar nel 1986. Attualmente gli studenti hanno a disposizione otto corsi di teatro, tra cui: recitazione e regia, circolo d'arte drammatica, scrittura drammatica, teatro israeliano e Regia di Peter Brook.
La prima produzione teatrale è stata rappresentata presso la Churchill Hall e presso il Centro studentesco. Successivamente, il dipartimento ha costruito un teatro con 120 posti a sedere. Si tratta di una sala molto intima e molto speciale per gli studenti, poiché stimola la creazione di un unico stile di comunicazione con il pubblico.
Fin dall'inizio del suo lavoro al Teatro Technion presso il Dipartimento di Lettere e Filosofia, nel 1986, il dottor Zohar ha sviluppato la sua idea di combinare spanersi elementi della scienza, della filosofia e delle arti, che ha riassunto nel libro "L'importanza della ricerca teatrale nelle Università scientifico-tecnologiche"(da pubblicare), secondo l'idea di un teatro olistico che integra la ricerca multidisciplinare.
Il dr. Zohar ha diretto ed ha recitato in 17 produzioni professionali ed ha anche diretto 43 produzioni teatrali all'Università, 38 delle quali presso il Teatro Technion. Ha diretto classici come Shakespeare, Molière e Marivaux; drammi  moderni, come John Hughes, Steven Soderberg; drammi  ebraici, come René d'Obadia, Dayan, Levine e Sobol.

The University Theatre Company
The Technion Theatre was established in the department of Humanities andArts by Prof. Michael Moore, and created by Dr. Ouriel Zohar in 1986. Today, its students are offered eight theatre courses, among which:  "Acting and Directing", "(Acting) Drama Circle", "Dramatic Writing", "Israeli Drama", and "Peter Brook's directing". The first theatre production was staged at the Churchill Hall and at the Cinema Hall of the students' center. After that, the department built a theatre with only 120 seats. This hall is very intimate and very special for the students, because it stimulates the creation of a unique communication style with the audience. Since the start of his work at the Technion Theatre in the Department of Humanities and Arts in 1986, dr. Zohar developed his idea of combining several elements of science, philosophy and arts, which he has summarized in his book "The importance of theatre research in the scientific-technological university" (to be published). The book is based on the idea of a holistic theatre that integrates multidisciplinary research.
Dr. Zohar has directed and acted in 17 professional productions and has also directed 43 University theatre productions, 38 of which at the Technion Theatre. He has directed classic plays such as Shakespeare, Molière and Marivaux; modern drama productions, such as John Hughes, Steven Soderberg; Jewish drama productions, such as René d'Obadia and Dayan; and Hebrew theatre productions such as Levine and Sobol.




 
Categoria Universo Teatro
    www.beneventocultura.it
  
  
 13-04-2024 21:35 - 100  
   
 

nessun commento

aggiungi il tuo commento